AVEVA UN DOPPIO LAVORO IL CONDUCENTE DEL TRENO CHE HA TRASCINATO UNA DONNA SULLA BANCHINA DELLA METRO DI ROMA

FACCHINO DI GIORNO, MACCHINISTA DI NOTTE

L’UOMO INDAGATO PER LESIONI COLPOSE, CHIEDEVA SEMPRE DI ESSERE COLLOCATO NEI TURNI SERALI

Lorenzo Di Cicco per il Messaggero

Macchinista della metro o magazziniere in una ditta di Acilia? Chissà a quale dei due mestieri, Gianluca Tonelli, dedica le sue attenzioni in modo predominante e quale pensa di esercitare, per così dire, di straforo.

Difficile sapere quanta dedizione applichi mentre lavora in un’ impresa di «movimentazione» di materiale edile nei pressi di Ostia; di sicuro all’ Atac, il conducente indagato per lesioni dopo l’ incidente del 12 luglio che ha ferito gravemente una donna di 43 anni, qualche dubbio sulla sua abnegazione è venuto.

ROMA - DONNA TRASCINATA DALLA METROPOLITANAROMA – DONNA TRASCINATA DALLA METROPOLITANA

Non solo perché dieci giorni fa, mentre il suo treno trascinava per oltre 135 metri sulla banchina una passeggera rimasta impigliata alle porte esterne, Tonelli mangiava tranquillamente in cabina di guida senza accorgersi di nulla. Ma anche perché è venuto fuori che il macchinista svolgeva da tempo un doppio lavoro.

Di giorno facchino in una ditta vicino casa, dal pomeriggio in poi dipendente della più grande partecipata dei trasporti pubblici d’ Italia. Col compito di guidare treni con centinaia di passeggeri, viene da chiedersi in quale condizione fisica (e di sicurezza per gli utenti), dopo le ore passate a spostare carichi tra Dragona e Casal Bernocchi.

ROMA - DONNA TRASCINATA DALLA METROPOLITANAROMA – DONNA TRASCINATA DALLA METROPOLITANA

Così potrebbero spiegarsi, forse, le richieste di turni serali che Tonelli avrebbe continuamente avanzato ai suoi responsabili.

Per avere la mattina libera?

Ieri il macchinista, messo sotto procedimento disciplinare, si è presentato nel quartier generale dell’ Atac in via Prenestina.

Era stato convocato mercoledì, ma all’ ultimo aveva dato forfait.

Alla fine è stato ascoltato dall’ azienda e, dopo il colloquio, la sua posizione anziché migliorare sembra essersi aggravata.

Per il momento resta sospeso dal servizio e con la paga congelata, in attesa degli sviluppi che arriveranno dalla Procura che lo ha indagato per lesioni e per violazione delle norme sulla sicurezza. Alle accuse per l’ incidente, ora l’ azienda potrebbe aggiungere anche quelle sul doppio lavoro, che da regolamento dovrebbe essere approvato dalla direzione generale e che invece, in questo caso, non sarebbe neanche stato comunicato.

Un malcostume estremamente diffuso, va detto, nella municipalizzata dei trasporti romani, tanto che l’ ex diggì Marco Rettighieri riservò all’ argomento uno dei tanti esposti consegnati ai pm di Roma. La Procura ora, ha rivelato il Messaggero due giorni fa, ha aperto un fascicolo; il pm Nicola Maiorano, titolare di tutte le ultime inchieste che hanno travolto l’ azienda comunale, ipotizza il reato di truffa.

ROMA - DONNA TRASCINATA DALLA METROPOLITANAROMA – DONNA TRASCINATA DALLA METROPOLITANA

Di casi, sotto la lente dei pm, ce ne sono diversi. Autisti con la passione per il turno di notte, in modo da poter guidare i pullman turistici di giorno. Peccato che poi uno di questi, una mattina, forse colto dalla stanchezza, ebbe un incidente nei pressi di Napoli. E la storia uscì fuori.

Oppure meccanici così smaniosi di mettere le mani sui motori al punto da lavorare in officine private, oltre che in quelle dell’ Atac, appena staccato dai turni della società del Campidoglio.

Anche i nuovi vertici della partecipata, nominati dal M5S, hanno iniziato a prendere le contromisure. Per questo, in sordina, sarebbero state avviate alcune indagini interne per capire quanti dipendenti arrotondino la busta paga con attività esterne mai dichiarate. Il sospetto è che in tanti svolgano il doppio impiego anche durante l’ orario di servizio pagato dalla società comunale.

ROMA - DONNA TRASCINATA DALLA METROPOLITANAROMA – DONNA TRASCINATA DALLA METROPOLITANA

Oppure senza affaticarsi troppo, addirittura durante i turni all’ Atac. Il tempo di guida effettiva del macchinista indagato, per dire, non supererebbe le tre ore giornaliere. Questo almeno avrebbero svelato alcuni controlli interni. Insomma, la pausa snack mentre la passeggera veniva trascinata fino alla galleria, forse avrebbe potuto aspettare.

ROMA – DONNA TRASCINATA DALLA METROPOLITANA

ROMA - DONNA TRASCINATA DALLA METROPOLITANAROMA – DONNA TRASCINATA DALLA METROPOLITANA

Fonte: qui

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lascia un commento