Verso la Bancarotta: Cronaca di un paese fallito, la Confindustria chiede gli aiuti di Stato per le Banche

20160221_13491Bah che volete che vi dica ancora. A volte mi chiedo se sia il caso di continuare.

L’Italia è totalmente fottuta, marcia e alla mercè di poteri in via di putrefazione che sopravvivono solo grazie al trasferimento di denaro dei contribuenti.

L’ultima infamia è a firma Centro Studi Confindustria, che con un corposo ducumento nell’ordine:

  1. Respinge l’ipotesi di porre un limite alla quantità di titoli di Stato in pancia alle banche italiane.

  2. Definisce pericolosa e rischiosa la normativa del bail in bancario

  3. Chiede l’intervento pubblico (con soldi dei contribuenti) per “salvare le banche

E nell’argomentare fa una lunga sbrodolata vittimista con tanto di tabellina, questa:

Schermata 2016-02-21 alle 19.30.10

A dimostrazione che l’Italia non ha speso “abbastanza” per salvare le sue banche in confronto ai partner europei. Ovviamente il Centro Studi omette di dire che nessuno ha impedito all’Italia di farlo quando era possibile e che fino all’altro ieri Banca d’Italia, Consob ci dicevano che le banche italiane erano le più solide del mondo (e Confindustria dove era? Su Marte?)

Inutile dire che questo patetico e miserabile report fuori tempo massimo ha mandanti precisi basta osservare la struttura di capitale e l’indebitamento dei grandi componenti di confindustria.

Che paese ridicolo quello in cui “l’industria” (e mi scuso con gli industriali veri) chiede allo Stato di salvare le banche con soldi dei contribuenti.

Bancarotta subito(e che i responsabili paghino materialmente i danni!!!).

Fonte: Rischio Calcolato

Precedente Washington Post: 'Erdogan sta spingendo la Turchia in un buco sempre più profondo da cui non c'è scampo' Successivo Il piano di Erdogan, Impero Islamico o “Armageddon”