CONCLUSIONI

Le nostre proposte si riferiscono a quegli interventi che riteniamo essenziali per affrontare seriamente la crisi, senza entrare in ulteriori dettagli che al momento non riteniamo opportuno inserire, e che sono lasciati al libero contribuito di tutta la cittadinanza.

Quello che chiediamo è di cambiare in modo profondo il funzionamento delle nostre istituzioni, che devono essere realmente al servizio di tutti i cittadini e di tutte le imprese, facendo si che i diritti fondamentali dell’essere umano, il lavoro e la sua dignità, siano davvero le basi del corretto operare della pubblica amministrazione.

E’ fondamentale pertanto, nella P.A. o nelle Istituzioni, premiare chi lavora con onestà ed imparzialità (requisito fondamentale), con competenza e/o che emerga per meriti, ma anche prendere drastici provvedimenti nel caso in cui in ruoli di responsabilità si palesino comportamenti disonesti o incapacità sostanziali.

Noi tutti invece dobbiamo cambiare il nostro atteggiamento troppo egoistico (neo-liberista) che ha minato alla base i valori fondanti della nostra società e far si che lo spirito di cooperazione sia più importante di quello di competizione; competizione che ha senso solamente se leale e rispettosa del diritto altrui e della salvaguardia dell’ambiente.

Lascia un commento