Privacy Policy ESPLODE LA RABBIA DEL PREMIER THERESA MAY CHE CHIEDE DI RIVEDERE LA STRATEGIA ANTI-TERRORISMO | 9 Dicembre Forconi
Crea sito

ESPLODE LA RABBIA DEL PREMIER THERESA MAY CHE CHIEDE DI RIVEDERE LA STRATEGIA ANTI-TERRORISMO

RAID A EST DELLA CITTÀ, FERMATE 5 PERSONE

CONFERMATO STASERA IL CONCERTO A MANCHESTER DI ARIANA GRANDE

Piera Matteucci per repubblica.it

TERRORE A LONDRA NEL NOME DI ALLAH - IL PULMINO DEI TERRORISTI
TERRORE A LONDRA NEL NOME DI ALLAH – IL PULMINO DEI TERRORISTI

Si aggrava il bilancio dell’attacco al London Bridge di sabato sera e cresce l’allerta anche al di fuori della Gran Bretagna. Le vittime, ha riferito la polizia britannica, sono sette, mentre i feriti sono 48, quattro dei quali francesi. Durante una conferenza stampa, la commissaria della polizia metropolitana di Londra, Cressida Dick, ha fatto il punto dopo l’attentato e ha confermato che al momento si ritiene che l’aggressione sia stata condotta dalle tre persone poi uccise dalla polizia.

Sappiamo al momento che sono stati tre gli attentatori di ieri sera, non crediamo ci siano altri terroristi anche se continuiamo le indagini per escludere eventuali complici“, ha precisato Dick. Intanto Sky News ha mostrato le immagini in diretta di un’operazione antiterrorismo in corso a Kings Road, a Barking, a est di Londra. Secondo l’emittente britannica, l’operazione è legata agli attacchi nella capitale. Gli agenti hanno fatto irruzione all’interno di un condominio e hanno portato via 5 persone, ha riferito, fra gli altri, il Daily Telegraph online.

41130e1f00000578 4569638 rapid gunfire was heard in the london bridge area as armed poli a 20 1496559930998

Allerta resta ‘grave’. È stato deciso per il momento di mantenere il livello di allerta anti-terrorismo nel Regno Unito a ‘grave’, nonostante l’attacco di Londra. A dirlo è stato il ministro degli Interni Amber Rudd nel corso di un’intervista ad Itv. Non è stato quindi alzato a quello più alto, ‘critico’, come invece era stato fatto per qualche giorno dopo la strage di Manchester perché si temeva che i complici dell’attentatore Salman Abedi potessero colpire.

MAY
MAY

Invito alla calma. La capitale britannica è ripiombata nel panico, a poco più di due mesi dall’assalto a Westminster: “È un momento difficile, capisco che la gente abbia paura. Vorrei che i londinesi e i turisti restassero calmi, vigili e attenti”, ha detto ancora Cressida Dick.Se vedete qualsiasi cosa che vi preoccupa, una persona o una cosa anche se non è significativa per favore contattateci sulla linea anti-terrorismo“, ha aggiunto invitando “le persone a continuare a vivere normalmente“.

Secondo quanto riferito dalla responsabile della polizia metropolitana, gli attentatori di Londra indossavano cinture esplosive finte. “Lo scopo – ha spiegato la comandante – era quello di terrorizzare i passanti nel corso dell’attacco”.
TERRORE A LONDRA NEL NOME DI ALLAH
TERRORE A LONDRA NEL NOME DI ALLAH

Riunione comitato ‘Cobra’. In mattinata si è riunito il comitato di emergenza per la sicurezza ‘Cobra’. “Questo è il terzo attacco in tre mesi in Gran Bretagna e da marzo la sicurezza, la polizia e l’intelligence hanno sventato 5 complotti. Ora è troppo“, ha detto dopo il vertice la premier britannica, Theresa May. “Gli attacchi non sono collegati, ma siamo di fronte a un nuovo trend: il terrorismo chiama il terrorismo e gli assalitori vengono ispirati da altri assalitori“, ha aggiunto la prima ministra, convinta che alla base degli assalti ci sia l’estremismo islamista. Per la premier deve essere rivista la strategia anti-terrorismo contro le nuove minacce al Paese ed è necessario “cercare accordi internazionali che disciplinano il cyberspazio: dobbiamo fare di tutto per limitare l’estremismo online creando spazi sicuri online”.

TERRORE A LONDRA
TERRORE A LONDRA

Terroristi fermati in otto minuti. Appena otto minuti: è questo il tempo impiegato dalla polizia per uccidere i tre aggressori dell’attacco terroristico, dopo aver ricevuto la prima chiamata di emergenza. “La polizia armata ha reagito rapidamente e ha ucciso i tre uomini otto minuti dopo aver ricevuto la prima chiamata di emergenza”, ha detto Mark Rowley, capo della polizia anti-terrorismo.

Tassista ‘eroe’ cerca di fermare aggressori.  Nei brevi minuti di terrore al London Bridge, il quotidiano Independent riferisce che un tassista, identificato solo con il nome ‘Chris’, ha cercato di intercettare i terroristi e di investirli per fermarli. Poco dopo aver girato verso Borough Street, Chris ha visto un furgone bianco arrivare a circa 80 chilometri all’ora e poi investire deliberatamente i pedoni. L’autista, continua il giornale, a quel punto ha fatto un’inversione a U, per cercare di fermare l’uomo che era in pochi istanti sceso dal mezzo e stava attaccando le persone a colpi di coltello. “Ho detto al tizio nel mio taxi che avrei provato a colpirlo, lo avrei investito”, e così “ho fatto un’inversione”. “Stavo per investirne uno, ma mi ha schivato e tre agenti di polizia sono arrivati correndo verso di loro con i loro manganelli in pugno“.

TERRORE A LONDRA NEL NOME DI ALLAH
TERRORE A LONDRA NEL NOME DI ALLAH

Ukip non sospende campagna elettorale. Contrariamenente a quanto fatto da altri partiti, che tra quattro giorni si confrontano nelle elezioni, l’Ukip non ha intenzione di sospendere la campagna elettorale: “Mi rifiuto di sospendere la campagna elettorale dell’Ukip perché distruggere la nostra democrazia è quello che vogliono gli estremisti“, ha scritto su Twitter il leader del partito euroscettico, Paul Nuttall. La conferma che le elezioni dell’8 giugno si svolgeranno regolarmente arriva da May. Il primo ministro ha aggiunto che domani riprenderà anche la campagna elettorale.

Confermato concerto di Ariana Grande. Il terrore non ferma il concerto contro la paura, organizzato a Manchester da Ariana Grande insieme ad altre star che hanno deciso di affiancarla, come i Coldplay e Justine Biber. L’appuntamento è stato fissato dopo l’attacco di Manchester, nel quale hanno perso la vita 22 persone, al termine di un concerto proprio di Ariana Grande. A confermare l’evento sia il manager della cantante, Scooter Braun, sia la polizia di Manchester: uno dei responsabili, Garry Shewan, ha spiegato che il concerto si svolgerà “con misure di sicurezza rafforzate”.

Minniti convoca comitato analisi antiterrorismo. I fatti di Londra fanno salire l’attenzione anche nel nostro Paese. Il ministro dell’Interno, Marco Minniti, ha convocato una riunione straordinaria del comitato di analisi strategica antiterrorismo (Casa) per le ore 18 al Viminale, alla presenza dei vertici delle forze di polizia e dei servizi di intelligence. Intanto fonti della Farnesina riferiscono che “al momento non risultano italiani coinvolti” nell’attentato di ieri sera. “Il lavoro continua dato l’elevato numero di italiani presenti a Londra”, hanno aggiunto le fonti. E, infatti, ci sono “un paio di italiani non ancora rintracciati”, ha affermato l’ambasciatore italiano a Londra Pasquale Terracciano, dicendosi però “ottimista sul fatto che non avremo sorprese negative”.

Mattarella: “Sdegno per fatti Londra”. Dura la condanna del capo dello Stato, Sergio Mattarella, per l’attentato nella capitale britannica: “Ancora una volta, manifestando il suo

volto più vile, il terrorismo ha brutalmente colpito Londra. Gli attacchi di questa notte suscitano, oltre al cordoglio, profondo sdegno e la più ferma condanna.

L’Italia sarà sempre a fianco del Regno Unito nella lotta contro quanti cercano di stravolgere la convivenza civile delle nostre società libere e inclusive”.

Fonte: qui

TERRORISMO A LONDRA: 7 MORTI, 48 FERITI E SANGUE SULLE ELEZIONI IN GRAN BRETAGNA, A SOLI 4 GIORNI DAL VOTO

UN DUPLICE ATTACCO: SU LONDON BRIDGE, UN PULMINO HA INVESTITO DIVERSI PEDONI E NE SONO POI USCITI TRE AGGRESSORI CHE HANNO ACCOLTELLATO E SGOZZATO ALTRI PASSANTI; A BOROUGH MARKET, LO STESSO COMMANDO HA CONTINUATO LA SUA AZIONE DI MORTE PRIMA DI CADERE SOTTO I COLPI DELLA POLIZIA – VIDEO

Ansa.it

terrore a londra auto travologe 20 pedoni

Terrore nel centro di Londra nel nome di “Allah” e sangue sulle elezioni in Gran Bretagna, a soli 4 giorni dal voto dell’8 giugno. Un duplice attacco e’ stato condotto nella notte nel cuore della capitale del Regno: dapprima su London Bridge, ponte simbolo della citta’, dove un pulmino ha investito diversi pedoni e ne sono poi usciti tre aggressori che hanno accoltellato altri passanti; quindi nella zona di Borough Market, dove lo stesso commando ha continuato la sua azione di morte prima di cadere sotto i colpi della polizia.

TERRORE A LONDRA NEL NOME DI ALLAH - FERITI
TERRORE A LONDRA NEL NOME DI ALLAH – FERITI

Mark Rowley, numero uno dell’antiterrorismo di Scotland Yard, ha precisato prima dell’alba il numero delle vittime: “7 morti” mentre i feriti sono 48 diversi dei quali, secondo quanto ha riferito il sindaco di Londra Sadiq Khan sono in condizioni critiche. “I terroristi – ha detto Khan – hanno in odio la nostra democrazia. Giovedì dobbiamo andare a votare per difendere la civiltà, i diritti umani e la democrazia”.

Morti anche i tre terroristi. Non risultano altri assalitori e sospetti in fuga. Ma le indagini proseguono senza escludere eventuali fiancheggiatori esterni.

Il movente del terrorismo, evocato inizialmente come “potenziale” dalla premier Theresa May, e’ stato confermato quasi subito dagli investigatori. La sequenza si e’ consumata in pochi minuti (ne sono passati 8 fra la prima telefonata di allarme e la sparatoria finale), a neppure due settimane di distanza dell’atroce attentato suicida commesso alla Manchester Arena il 22 maggio: dove Salman Abedi, giovane britannico figlio di ex rifugiati politici libici anti-Gheddafi, si era fatto esplodere fra la folla che usciva dal concerto di Ariana Grande – fra cui molti giovanissimi – causando 22 morti e circa 120 feriti.

Fonte: qui