GRAZIE AI 14 VOTI A FAVORE DEL M5S, URSULA VON DER LEYEN È STATA ELETTA PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE EUROPEA!

LA PRESCELTA DI ANGELA MERKEL HA PRESO 383 VOTI, LA SOGLIA DELLA MAGGIORANZA ERA DI 374

ursula von der leyen e angela merkelURSULA VON DER LEYEN E ANGELA MERKEL

LA LEGA HA VOTATO CONTRO: “NON SIAMO DISPOSTI A DARE IL NOSTRO SOSTEGNO A CHI ATTACCA STRUMENTALMENTE L’ITALIA”

ursula von der leyenURSULA VON DER LEYEN

URSULA VON DER LEYEN ELETTA PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE EUROPEA

(LaPresse) – Ursula von der Leyen è stata eletta presidente della Commissione europea con 383, poco più dei 374 necessari. Contrari 327 eurodeputati, astenuti 22, una scheda bianca. Hanno votato 733 eurodeputati.

ursula von der leyen 4URSULA VON DER LEYEN

La tedesca è la prima donna a ricoprire questo ruolo. L’attuale ministro della Difesa succede al lussemburghese Jean-Claude Juncker il cui mandato scade il 31 ottobre.

I deputati europei valuteranno le competenze dei nuovi commissari nelle audizioni che si svolgeranno la prima settimana di ottobre, poi la nuova commissione europea dovrà ricevere l’investitura del Parlamento europeo a Strasburgo nella sessione plenaria tra il 21 e il 24 ottobre.

juncker URSULA VON DER LEYEN
“GIN” CLAUDE JUNCKER URSULA VON DER LEYEN

UE, ZANNI: NESSUN APPOGGIO DELLA LEGA A VON DER LEYEN

(LaPresse) – “La delegazione della Lega ha espresso voto contrario alla candidata alla presidenza delle Commissione europea, Ursula von der Leyen.” E’ quanto dichiara Marco Zanni, presidente leghista del gruppo Identità e Democrazia al Parlamento europeo. “La nostra scelta – spiega Zanni – è motivata dalla assenza di cambiamento che abbiamo riscontrato nei contenuti e nelle proposte fatte dalla candidata. Non ci piace dare il nostro voto a favore di programmi troppo spostati a sinistra che sono, peraltro, lo specchio di quelli che abbiamo già visto nella scorsa legislatura. Ancor meno – sottolinea il leghista – siamo disposti a dare il nostro sostegno a chi attacca strumentalmente l’Italia.”

MARCO ZANNI 2MARCO ZANNI 

UE, ZANNI: NESSUN APPOGGIO DELLA LEGA A VON DER LEYEN

(LaPresse) – Secondo il parlamentare leghista “Von der Leyen si è riempita la bocca di tante promesse, la maggior parte delle quali sono irrealizzabili. Abbiamo ascoltato, di nuovo, molti bei proclami sulla riforma dell’economia, dell’immigrazione e le proposte di nuovi piani sugli investimenti. Tutti target che a nostro parere – avverte l’eurodeputato e responsabile Esteri della Lega – saranno disattesi da questa Commissione. Ursula von der Leyen avrà una posizione troppo debole in questa legislatura. E dovrà questa sua debolezza al fatto di poter contare su una maggioranza parlamentare molto frammentata al suo interno. Non è un mistero, del resto, che siano molte le divisioni interne a Ppe, socialisti e liberali.”

UE, ZANNI: NESSUN APPOGGIO DELLA LEGA A VON DER LEYEN

 (LaPresse) – Tre sono le sfide prioritarie per Lega, spiega Zanni: economia, sicurezza e immigrazione “”Il programma di Von der Leyen, del tutto sbilanciato a sinistra, ci sembra non avere a cuore nessuno di questi temi- prosegue Zanni- Sull’immigrazione, in particolare, non si può continuare a far credere a chi ci guarda dall’altra parte del mondo che nel nostro Continente ci sia spazio per tutti.” “Per noi – ha concluso il parlamentare Zanni – è impossibile appoggiare chi a Bruxelles e Strasburgo lavora quotidianamente per danneggiare l’Italia e il suo governo.”

Ue, M5S voterà a favore di Ursula Von der Leyen

(LaPresse) – Tiziana Beghin, capodelegazione dei Cinque stelle al Parlamento europeo, ha dichiarato nella seduta parlamentare a Strasburgo che il Movimento voterà a favore della candidata alla presidenza della Commissione europea Ursula von der Leyen affermando che la tedesca ha fatto proprie tutte le priorità degli eurodeputati pentastellati in particolare relative al “salario minimo europeo” e ad un nuovo “patto per l’immigrazione”.

Ue, M5S(PRO LIBERISTI) voterà a favore di Ursula Von der Leyen

(LaPresse) – “Lei ha fatto suoi i punti principali del nostro programma, dopo il nostro incontro, ed ha garantito che si impegnerà a realizzare un salario minimo europeo, un nuovo patto sull’immigrazione, riforme ambiziose per il clima e a garantire finalmente l’iniziativa legislativa al Parlamento europeo. Per questo il Movimento 5 Stelle intende sostenere la Sua candidatura, ma ogni giorno nei prossimi cinque anni Lei dovrà dimostrarsi degna di questa fiducia”, così la capodelegazione del Movimento 5 Stelle Tiziana Beghin in aula durante il dibattito sulla elezione del Presidente della Commissione europea.

TIZIANA BEGHIN 1TIZIANA BEGHIN – IN VERSIONE PD 2.0

“Come donna e madre di tre figlie sono felice di vedere per la prima volta una donna destinata a presiedere l’esecutivo europeo: questa è senz’altro una novità positiva, ma io mi auguro che il cambiamento non si fermi qui” ha proseguito Beghin “I governi che hanno sostenuto la sua nomina hanno certamente visto in lei un presidente valido, ma soprattutto hanno voluto dire no a chi aveva pre-confezionato un pacchetto di nomine con l’arroganza di credere che tutti gli altri avrebbero solo potuto accettarle. Chi l’ha sostenuta ha voluto ribadire che se in Europa si vuole vivere insieme, bisogna anche decidere insieme, tutti insieme.” La capodelegazione dei Cinque stelle che ha incontrato giovedì scorso Von der Leyen a Bruxelles ha concluso sottolineando il Movimento l’osserverà attentamente e non si farà remore a contrastarla se non rispetterà gli impegni presi, difendendo i cittadini italiani “Per governare l’Europa non basta essere tedeschi, francesi, italiani o spagnoli, bisogna prendere il meglio di ciascuno di noi e dimostrare al mondo che l’Unione Europea è molto più della somma dei suoi Paesi. Signora Von Der Leyen, sia il cambiamento che i cittadini europei si meritano e non ci deluda”, ha dichiarato Beghin al termine del suo intervento.

angela merkel ursula von der leyenANGELA MERKEL URSULA VON DER LEYEN

Fonte: qui

Precedente Michael Hudson: De-Dolarizzazione, la separazione dall'Impero finanziario americano Successivo NEL 2022 IL CONTO TOTALE DELLE USCITE A CARICO DELLO STATO SFONDERA' IL MURO DEI 900 MILIARDI DI EURO