Privacy Policy Italia: la legalizzazione di massa dei migranti è suicida | 9 Dicembre Forconi
Crea sito

Italia: la legalizzazione di massa dei migranti è suicida

Descrivendo l’  Italia, Gerard Baker, ex redattore capo del  Wall Street Journal , ha recentemente scritto:

” In gran parte del paese … lo spopolamento sta avanzando. Spostarsi negli spazi vuoti sono state ondate di immigrati, molti provenienti dal Nord Africa e dal Medio Oriente. I migranti hanno colmato lacune vitali nella forza lavoro, ma la trasformazione delle città italiane ha lasciato un numero crescente di cittadini risentiti, spaventati per la loro identità “.

Ha continuato a chiamare questa trasformazione “una sorta di pioniera del declino occidentale”. Gli effetti della migrazione di massa stanno già diventando drammaticamente visibili in molte scuole elementari italiane. Negli ultimi giorni sono emersi esempi di due grandi città.

Il primo è stato a  Torino , la quarta città più grande d’Italia, dove ora ci sono classi di scuola elementare con nemmeno un bambino italiano :

“In tutte le classi, ha spiegato la preside Aurelia Provenza, la percentuale di stranieri è molto alta, pari al 60% del numero totale di alunni”.

Il secondo esempio viene da Bologna. “All’asilo di mio figlio c’è un grave problema di integrazione, devo portarlo via”, dice  Mohamed , un 34enne di origini marocchine che è arrivato in Italia all’età di 4 anni.

Non voglio essere visto come un razzista da solo perché sono marocchino, ma il comune deve sapere che non c’è integrazione mettendo in classe più di 20 bambini stranieri”.

Al momento dell’iscrizione, ha spiegato Mohamed  , avevano visto disegni con bandiere di tutte le nazionalità nella scuola, ma “quando siamo arrivati ​​a scuola il primo giorno, ci siamo trovati in una classe con tutti i bambini stranieri. Gli insegnanti stanno persino lottando pronunciare i nomi dei bambini “.

Ora abbiamo raggiunto un paradosso: gli immigrati stanno portando i loro figli fuori dalle classi in cui, sotto il multiculturalismo, la segregazione sta aumentando. Il rendimento scolastico diminuisce quando le lezioni superano il 30% di stranieri; è una soglia cruciale che dovrebbe essere evitata o altrimenti monitorata“, ha  affermato  Costanzo Ranci, professore di Sociologia economica e autore di un recente  rapporto .

Entrambi i casi di cui sopra sono stati oggetto di numerosi dibattiti pubblici. In Italia, il mese scorso, il numero di migranti in arrivo dall’Africa è  aumentato , dopo essere diminuito per la maggior parte degli ultimi due anni. Il centro di accoglienza per migranti sull’isola di Lampedusa, in prima linea nella crisi migratoria italiana, è ora in uno stato di ” collasso ” a causa del rapido  aumento  degli arrivi. L’intero sud dell’Italia sta ora cercando di affrontare i migranti.

Secondo le  proiezioni  della divisione della popolazione delle Nazioni Unite, la popolazione dell’Africa sub-sahariana raddoppierà in 30 anni, aggiungendo un ulteriore miliardo di persone e rappresentando oltre la metà della crescita della popolazione mondiale tra oggi e il 2050. Italia, che ha già la  terza più grande popolazione di migranti in Europa, sta subendo una ” insopportabile crisi”, e ora affronta il rischio reale di una ” africanizzazione “, come Stephen Smith ha chiamato nel suo  libro ,  la corsa per l’Europa .

Ci sono molte voci di preoccupazione. Il cardinale Robert Sarah, autore di un nuovo libro,  The Day Is Now Far Spent , sulla crisi dell’Occidente ,  paragona l’attuale afflusso di migranti alle invasioni di barbari che hanno abbattuto l’Impero romano. Se le politiche dell’Europa nei confronti dei migranti non cambiano, avverte Sarah  , l’Europa sarà “invasa dagli stranieri, così come Roma è stata invasa dai barbari”.

“Se l’Europa scompare, e con essa i valori inestimabili del Vecchio Continente, l’Islam invaderà il mondo e cambieremo completamente la nostra cultura, antropologia e visione morale”.

Un think-tank italiano,  Fondazione Fare Futuro , ha anche  previsto  che, a causa della migrazione di massa e dei diversi tassi di natalità di cristiani e musulmani, entro la fine del secolo metà della popolazione italiana potrebbe essere musulmana. In soli dieci anni, il numero di migranti in Italia è  aumentato  del 419%.

La popolazione nativa italiana si sta già riducendo rapidamente. Senza gli stranieri,  ogni anno  gli italiani nativi morirebbero (615.000) al doppio del tasso di nascite (380.000). Eurostat, l’ufficio statistico ufficiale europeo,  calcola  che entro il 2080, un quinto degli italiani verrà dal contesto migratorio (11 milioni dei 53 milioni italiani).

Un recente rapporto dell’ufficio statistico nazionale italiano ha rilevato che il paese è in una ” recessione demografica ” non vista dalla prima guerra mondiale e  250.000  giovani italiani sono fuggiti dal paese. “L’Italia esporta giovani laureati e importa migranti”, ha scritto  Il Giornale .  Si prevede che l’Italia perderà il  17%  della sua popolazione entro il 2050 e – anche senza immigrazione –  metà  entro la fine del secolo.

Un rapporto della Caritas-Migrantes ha recentemente  documentato  che dal 2014 la diminuzione del numero di italiani equivale alla popolazione di una grande città italiana, per esempio Palermo (677.000). Il drastico calo, tuttavia, è stato finora compensato dai migranti.

L’immigrazione sta tornando a essere una questione politica. Poche settimane dopo aver formato un governo con il Movimento a cinque stelle, il Partito Democratico sta facendo avanzare la cosiddetta “cittadinanza di diritto di nascita” – un impegno a invertire la rigorosa politica migratoria dell’ex Ministro degli Interni Matteo Salvini. In latino questo diritto alla cittadinanza si chiama  ius culturae . La nuova legge consentirebbe ai minori stranieri di età inferiore ai 12 anni di diventare cittadini dopo soli cinque anni a scuola in Italia. Il disegno di legge è stato avanzato da Laura Boldrini, ex presidente del parlamento italiano, che ha affermato:

Lo stile di vita dei migranti sarà nostro“.

Gli italiani, come in quelle scuole elementari, si integreranno nella nuova cultura dei migranti?

L’attuale governo sa perfettamente cosa è in gioco. “Da oggi al 2050 e 2060, dovremo affrontare una domanda epocale da 50 a 60 milioni di persone che arriveranno nel mondo mediterraneo” , ha recentemente affermato il deputato Nicola Morra, deputato a maggioranza governativa  .

Il governo sta letteralmente giocando d’azzardo con il futuro dell’Italia.

L’Italia è il paese europeo più esposto alla pressione migratoria dall’Africa. Con una popolazione nativa già in calo, se l’Italia è aperta alla legalizzazione di massa dei migranti, dovremmo almeno essere consapevoli del fatto che sarà culturalmente suicida.

Authored by Giulio Meotti via The Gatestone Institute