Privacy Policy DOPO “JUGEND RETTET” E “MEDICI SENZA FRONTIERE”, FINISCONO SOTTO INCHIESTA I VOLONTARI DI "SAVE THE CHILDREN" | 9 Dicembre Forconi
Crea sito

DOPO “JUGEND RETTET” E “MEDICI SENZA FRONTIERE”, FINISCONO SOTTO INCHIESTA I VOLONTARI DI “SAVE THE CHILDREN”

GIÀ ISCRITTI I PRIMI INDAGATI CON L’IPOTESI DI FAVOREGGIAMENTO DELL’IMMIGRAZIONE CLANDESTINA

Antonio Massari per “Il Fatto Quotidiano” – Estratto 

Per alcuni casi sono in corso le identificazioni, quindi il fascicolo procede ancora contro ignoti, in altri gli autori dei reati hanno già un nome e un cognome annotati nel registro degli indagati. E l’indagine – oltre Jugend Rettet e Medici Senza Frontiere – coinvolge anche gli operatori di una terza organizzazione non governativa: Save the Children. Non è un caso, infatti, che un poliziotto dello Sco si sia infiltrato per ben 40 giorni proprio sulla loro imbarcazione.

SAVE THE CHILDREN E I MIGRANTISAVE THE CHILDREN E I MIGRANTI

L’ inchiesta condotta dalla Procura di Trapani, guidata da Ambrogio Cartosio, si concentra su singole condotte di reato – s’ ipotizza il favoreggiamento dell’ immigrazione clandestina – e quindi sui singoli operatori. Non sulle Ong in quanto tali.

I poliziotti del Servizio centrale operativo hanno messo nel loro mirino soltanto episodi circoscritti e in parte – per quanto emerso nel decreto di sequestro della nave Iuventa – già pienamente identificati.

I SOCCORSI DELLA IUVENTA INTERCETTANO LA NAVE DEI MIGRANTII SOCCORSI DELLA IUVENTA INTERCETTANO LA NAVE DEI MIGRANTI

In sostanza: il fascicolo non “criminalizza” le organizzazioni umanitarie, ma si concentra su singole condotte – vedremo quali – e singoli operatori. Precisazione necessaria, data la delicatezza dell’ argomento, le sue potenziali strumentalizzazioni politiche, le eventuali ripercussioni sulle vite dei migranti e il fondamentale ruolo svolto sia dalle Ong, sia dalla magistratura.

[…] Il punto è che restituire un barcone ai trafficanti è un comportamento – rispetto alla domanda iniziale: chi sto aiutando?

IUVENTAIUVENTA

Non sappiamo – l’ attività investigativa è ancora coperta dal segreto – se le indagini che riguardano gli operatori delle altre due Ong, Medici Senza Frontiere e Save The Children, abbiano raccolto riscontri altrettanto semplici da incasellare. Di certo c’ è che le loro navi erano spesso nel posto giusto al momento giusto – e per fortuna – con il fondato sospetto che le “soffiate” giungessero proprio dai trafficanti. […]

Lo scenario sarebbe diverso, sotto il profilo penale, se i contatti fossero sistematici, ripetuti nel tempo e si fossero trasformati in una – per quanto non voluta, ma di certo immaginabile – sorta di collaborazione con gli scafisti.

Fonte: qui