Privacy Policy MA KIM JONG UN PUÒ RAGGIUNGERE GLI USA? SI', CE LA PUO’ FARE, MA NON E' MOLTO PRECISO NELLA MIRA | 9 Dicembre Forconi
Crea sito

MA KIM JONG UN PUÒ RAGGIUNGERE GLI USA? SI’, CE LA PUO’ FARE, MA NON E’ MOLTO PRECISO NELLA MIRA

PUO’ ARRIVARE A LOS ANGELES ED OLTRE. MA LUI PUNTA ALL’ISOLA DI GUAM

HA UNA BOMBA NUCLEARE PARI A QUELLA DI HIROSHIMA: HA COMPRATO MATERIALE ATOMICO DA RUSSIA, CINA UCRAINA. ED IL PROBLEMA E’ CHE PUO’ FREGARE I SISTEMI ANTIMISSILE USA

Guido Olimpio per il Corriere della Sera

IL MISSILE DI KIMIL MISSILE DI KIM

Con una raffica di test il regime ha migliorato il proprio apparato bellico ed oggi è in grado di raggiungere il territorio statunitense. E’ stato raccontato e spiegato più volte anche su queste pagine. I tecnici hanno messo a punto il missile intercontinentale Hwasong 14, il quale può colpire non solo la costa del Pacifico ma anche Denver e Chicago. Una grafica del New York Times ne ha ricostruito le caratteristiche.

Lo sviluppo dell’ordigno è stato reso possibile dall’acquisizione di materiale all’estero (Cina, Russia, Ucraina) combinata con il lavoro degli scienziati locali. Il gran numero di prove di questi mesi ha dimostrato chiaramente i successi della ricerca. Ultima conferma arriva anche dal lancio sul Giappone: la distanza raggiunta è di poco inferiore ai 3.200 chilometri che separano il Paese dall’isola di Guam, territorio non incorporato degli Stati Uniti in cui si trovano basi militari Usa, che il regime aveva minacciato di colpire.

IL VEICOLO DI RIENTRO

KIM JONG UNKIM JONG UN

La testata, dopo essere stata caricata sul missile, viene portata sul bersaglio dal cosiddetto veicolo di rientro: questo importante “mezzo” è al centro del dibattito di esperti e militari. Giapponesi e sud coreani, osservando alcuni test, sono arrivati alla conclusione che il Nord abbia incontrato problemi nello sviluppo. In un caso sarebbe andato anche distrutto quando è rientrato nell’atmosfera, dunque la “protezione” non avrebbe resistito alla frizione. Ma non tutti la pensano così e il giudizio “negativo” è stato modificato. C’è il sospetto che il regime abbia superato questi ostacoli. Come sempre, quando si parla di Corea del Nord, il gap di conoscenza è piuttosto alto.

LA BOMBA

KIM JONG UN DONALD TRUMPKIM JONG UN DONALD TRUMP

Un report dell’intelligence Usa ha segnalato che entro la fine del 2018 (o forse prima) Kim sarà in grado di dotare i suoi missili a lungo raggio con una micro-bomba atomica. Un passo decisivo nella costituzione dell’arsenale, un ordigno diverso e più piccolo dei 60 “tradizionali” già prodotti.

Gli analisti hanno puntato la loro attenzione su una foto diffusa lo scorso anno dove Kim appare vicino ad una possibile bomba di forma sferica. Anche su questo dettaglio molte interpretazioni: potrebbe essere solo un modello, ma anche una vera arma. Giapponesi e americani sembrano propendere per la seconda ipotesi.

LA PRECISIONE

missile coreano sorvola il giapponeMISSILE COREANO SORVOLA IL GIAPPONE

Tenendo d’occhio gli esperimenti eseguiti dalla Corea del Nord, gli osservatori occidentali hanno stabilito che i missili di Kim non sarebbero troppo precisi, ma avrebbero rivelato un margine di errore tra i tre e i cinque chilometri. Però sono supposizioni ed è evidente che i tecnici si stanno impegnando per migliorare i loro sistemi. Inoltre è evidente che le armi, in questo caso, hanno un valore che va oltre l’impatto strettamente bellico. Il solo fatto di poter raggiungere un quadrato di terra statunitense rappresenta un punto importante. E poi potrebbero sempre prendere di mira target “larghi”, come una città e i suoi sobborghi.

LA POTENZA

MISSILE COREA DEL NORDMISSILE COREA DEL NORD

Gli esperti citati dal New York Times affermano che l’ordigno sviluppato dal Nord ha una potenza simile o poco superiore a quella che distrusse Hiroshima insieme a 70 mila abitanti. Anche in queste settore i coreani stanno moltiplicando gli sforzi per aumentarne la potenza, ma è probabile che si siano accontentati di un’arma più piccola. A Kim basta per mantenere la sfida con i nemici.

BUCARE LA DIFESA DEGLI STATI UNITI

Poche settimane fa gli Stati Uniti hanno eseguito un test anti-missile mentre sono state aumentate le difese in Giappone e Sud Corea. Questo tipo di contromisura è efficace contro la minaccia missilistica? Nessuno è pronto a scommettere il successo del cento per cento. Pyongyang può saturare il sistema con lanci multipli – di recente ha provato 4 vettori insieme – e “spedire” falsi bersagli. Insomma, la superiorità tecnologica degli Usa potrebbe non bastare.

Fonte: qui

NON SI FA ATTENDERE LA RISPOSTA DELLA COREA DEL SUD: SGANCIATE OTTO BOMBE VICINO AL CONFINE CON LA COREA DEL NORD IN UNA DIMOSTRAZIONE DI “FORZA TRAVOLGENTE” – COME L’HANNO DEFINITA I MEDIA LOCALI – IN RISPOSTA AL TEST MISSILISTICO COMPITO DA PYONGYANG

DONALD TRUMP E IL PRIMO MINISTRO GIAPPONESE SHINZO ABE SI SONO DETTI D’ACCORDO SUL FATTO CHE LA COREA DEL NORD “PONE UNA GRAVE E CRESCENTE MINACCIA DIRETTA AGLI STATI UNITI, ALLA COREA DEL SUD E AL GIAPPONE, MA ANCHE AGLI ALTRI PAESI DEL MONDO” – VIDEO

Ansa.it

link to media gallerykim jong un

Non si fa attendere la risposta di Seul dopo la nuova provocazione di Kim. Le Forze armate della Corea del Sud – secondo quanto riporta il quotidiano britannico Independent – hanno sganciato otto bombe vicino al confine con la Corea del Nord in una dimostrazione di “forza travolgente” – come l’hanno definita i media locali – in risposta al test missilistico compito da Pyongyang.

Nella notte – infatti – un missile balistico a medio raggio è stato lanciato dalla Corea del Nord: si tratta del primo disegnato per trasportare una testata nucleare secondo quanto riportano i media sudcoreani.

NORDCOREA - KIM JONG UN ISPEZIONA L ESERCITONORDCOREA – KIM JONG UN ISPEZIONA L ESERCITO

IL MISSILE DI KIMIL MISSILE DI KIM

“Azioni che minacciano e destabilizzano e aumentano solo l’isolamento del regime nord coreano. Tutte le opzioni sono sul tavolo“, afferma il presidente americano Donald Trump, commentando il nuovo lancio da parte di Pyongyang. “Il mondo – sottolinea il leader Usa – ha ricevuto l’ennesimo messaggio della Corea del Nord forte e chiaro: questo regime ha segnalato il suo disprezzo per i paesi vicini, per tutti i membri delle Nazioni Unite e per gli standard minimi di comportamento accettabile a livello internazionale”.

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump e il primo ministro giapponese Shinzo Abe si sono detti d’accordo sul fatto che la Corea del Nord “pone una grave e crescente minaccia diretta agli Stati Uniti, alla Corea del Sud e al Giappone, ma anche agli altri paesi del mondo”. Lo afferma la Casa Bianca riferendo del colloquio telefonico fra i due leader. Trump e Abe si sono impegnati “a mantenere alta la pressione sulla Corea del Nord e a fare il possibile per convincere il resto della comunità internazionale a fare lo stesso”.

KIM JONG UNKIM JONG UN

CICCIO KIMCICCIO KIM

COREA DEL SUDCOREA DEL SUD

Milioni di giapponesi sono stati svegliati questa mattina da un messaggio di testo arrivato sui loro telefoni cellulari che li esortava a mettersi al riparo, mentre il missile balistico nordcoreano sorvolava il Paese. Lo riporta il quotidiano britannico Independent. Allo stesso tempo, le emittenti radio e televisive hanno interrotto i programmi per avvisare i cittadini attraverso il sistema di allerta satellitare ‘J-Alert’, mentre i treni ad alta velocità sono stati sospesi temporaneamente.

COREA DEL SUD

Il messaggio di testo, spiega il giornale, recitava: “Un missile e’ stato lanciato dalla Corea del Nord. Per cortesia ritiratevi in un edificio solido o un seminterrato”. Pochi minuti dopo e’ arrivato un secondo messaggio: “Un missile nordcoreano ha sorvolato questa zona. Se trovate oggetti sospetti per cortesia non li toccate mai”.

KIM JONG UN DONALD TRUMPKIM JONG UN DONALD TRUMP

Il Consiglio di Sicurezza dell’Onu si riunirà oggi d’urgenza su richiesta di Usa, Corea del Sud e Giappone “sulle minacce a pace e stabilità” dopo il lancio del per missile. Lo riporta l’agenzia Yonhap, citando un funzionario del ministero degli Esteri di Seul. Il vettore ha volato per circa 2.700 chilometri, ha raggiunto un’altezza massima di 550 chilometri, ha sorvolato il Giappone ed e’ finito nel Pacifico al largo di Hokkaido.

Il presidente Donald Trump e il premier nipponico Shinzo Abe hanno avuto una telefonata sulla vicenda, convenendo di tenere viva la pressione su Pyongyang.

ciccio kim aspira al missile nucleareKIM JONG UN ASPIRA AL MISSILE NUCLEARE

In risposta la Corea del Sud ha tenuto manovre aeree con quattro caccia F-15 che hanno sganciato otto bombe MK-84 su target al Pilseung Range, campo militare sulla costa orientale: il portavoce presidenziale Park Su-hyun ha detto che il direttore della sicurezza nazionale Chung Eui-yong ha avuto un colloquio con la controparte americana H.R. McMaster sull’ultima “provocazione” del Nord.

kim jong unKIM JONG UN

Il premier giapponese Shinzo Abe ha confermato che il missile lanciato dalla Corea del Nord ha sorvolato lo spazio aereo giapponese, all’altezza dell’isola di Hokkaido, ed è poi caduto in mare spezzandosi in tre parti. La tv pubblica giapponese ha anche riferito che non ci sono segni di danni sul territorio giapponese. Abe ha dichiarato che farà il massimo sforzo per proteggere la popolazione del Giappone.

“Il lancio del missile nord coreano sul territorio giapponese è un atto di un’estrema gravità e costituisce una seria minaccia per la sicurezza dell’intera regione”, ha detto Abe, garantendo la piena cooperazione militare con gli Stati Uniti e la Corea del Sud. Dopo un colloquio telefonico con il presidente Usa Donald Trump, Abe ha spiegato che adesso non è il momento opportuno per il dialogo, ma non si può allentare in nessun modo la pressione sul regime di Pyongyang.

la corea del nord ha tonnellate di armi chimicheLA COREA DEL NORD HA TONNELLATE DI ARMI CHIMICHE

I due leader hanno inoltre concordato sull’importanza della Russia e della Cina nella questione diplomatica nordcoreana. In un incontro separato con la stampa il ministro degli Esteri nipponico Taro Kono ha definito la scelta del lancio del missile nordcoreano a sud della costa dell’Hokkaido come una decisione opportunistica per la Corea del Nord. Un razzo sull’isola di Guam, secondo Kano avrebbe provocato reazioni molto più gravose per Pyongyang da parte degli Stati Uniti.

effetti gas nervinoEFFETTI GAS NERVINO

La Cina critica il lancio del missile balistico della Corea del Nord, finito nel Pacifico dopo il sorvolo del Giappone, ma invita le parti all'”autocontrollo” mettendo in guardia che l’inasprimento del pressing su Pyongyang “non risolverà fondamentalmente il problema”.

Pechino “s’oppone” alle mosse del Nord in violazione delle risoluzioni dell’Onu, ha affermato Hua Chunying, portavoce del ministero degli Esteri. “La situazione resta altamente sensibile e tutti dovrebbero creare le condizioni per la ripresa del dialogo e i negoziati”.

kim jong unKIM JONG UN

“E’ chiaro a tutti che l’opzione delle sanzioni alla Corea del Nord si è ormai esaurita“. Così il vice ministro degli Esteri russo Serghei Ryabkov a Ria Novosti. “Maggiori sanzioni – ha aggiunto – non risolveranno il problema”. “Ora l’Onu deve passare una risoluzione che dica chiaramente no a soluzione militare e no a sanzioni unilaterali al di fuori di quelle approvate dal Consiglio di Sicurezza”.

Gli ultimi lanci-provocazione del regime di Kim Jong-un risalgono a tre giorni fa quando, nella notte tra venerdì e sabato in Europa (sabato mattina a Pyongyang) tre missili balistici a corto raggio sono stati lanciati nell’arco di 30 minuti: uno è esploso subito, gli altri due hanno percorso circa 250 chilometri.

Fonte: qui