Privacy Policy LA CORTE DEI CONTI VUOLE LA VERITA' SUI DERIVATI DAL TESORO CON MORGAN STANLEY | 9 Dicembre Forconi
Crea sito

LA CORTE DEI CONTI VUOLE LA VERITA’ SUI DERIVATI DAL TESORO CON MORGAN STANLEY

derivati-834711CHIESTE LE CARTE SUI DERIVATI CON MORGAN STANLEY AGLI ULTIMI TRE DIRETTORI GENERALI

MA DIMENTICA DI FARLO CON IL QUARTO, CHI E’? MARIO DRAGHI

L’INCHIESTA AVVIATA DA RAFFAELE DE DOMINICIS, IL MANCATO ASSESSORE AL BILANCIO DELLA RAGGI

R.E. per “la Stampa

Procede senza indugio l’ inchiesta della Corte dei Conti sulla vicenda dei derivati sottoscritti dal ministero del Tesoro (Mef) con Morgan Stanley e chiusi anticipatamente tra la fine del 2011 e l’ inizio del 2012.

RAFFAELE DE DOMINICIS
RAFFAELE DE DOMINICIS

I magistrati contabili chiedono alla banca americana e a quattro tra ex e attuali dirigenti di Via XX settembre un danno erariale per 4,1 miliardi. La notizia era già rimbalzata all’ inizio di agosto da parte della stessa Morgan Stanley, la quale ne aveva fatto cenno nella trimestrale.

A ricevere l’invito a presentare le carte sono i dirigenti che hanno firmato (e poi chiuso) quei contratti: Maria Cannata, attuale direttore del debito pubblico, Vincenzo La Via (oggi direttore generale del Tesoro), Domenico Siniscalco, direttore generale del Tesoro all’ epoca della stipula dei contratti e oggi vicepresidente per l’ Europa proprio di Morgan Stanley e infine Vittorio Grilli, direttore generale al momento della chiusura dei contratti, oggi ai vertici di JpMorgan.

maria cannata
MARIA CANNATA

L’ inchiesta della Corte dei Conti procede nonostante – ad aprile dell’ anno scorso – la Procura di Roma abbia chiesto al Tribunale dei ministri l’ archiviazione per la stessa inchiesta di Mario Monti, all’ epoca dei fatti premier.

«La clausola di estinzione anticipata era stata apposta legittimamente, ed è stata legittimamente esercitata da Morgan Stanley nell’ ambito delle sue facoltà contrattuali(peccato che gli indici di riferimento sui tassi di interesse sono stati manipolati dalle banche d’affari e noi paghiamo pesantemente per questo motivo!!!)», si leggeva nelle motivazioni della procura. Stessa richiesta era stata sollecitata per Maria Cannata, accusata di manipolazione del mercato, truffa e abuso d’ ufficio.

La vicenda risale al 2011-2012, quando – nel pieno della turbolenza causata dall’ aumento degli spread – Morgan Stanley chiese l’ attivazione della clausola per la risoluzione di contratti firmati fra il 1999 e il 2005.

Vincenzo La Via
VINCENZO LA VIA

Secondo la Corte dei Conti – dell’inchiesta si sono occupati Massimiliano Minerva e prima di lui il mancato assessore al Bilancio di Roma Raffaele De Dominicis – la clausola di recesso era incompatibile con una sana gestione del debito pubblico(alla luce pure del fatto che gli indici di riferimento sono stati ampiamente manipolati al Libor di Londra nel 2008, QUIQUI e QUI).

Un anno fa la Procura di Roma ha detto l’ opposto: «La Repubblica italiana non disponeva di valide ragioni per contestare sul piano giuridico né la legittimità e la validità della clausola, né la legittimità del suo esercizio». Di più: «La sua mera inadempienza di fatto avrebbe comportato per la Repubblica un danno facilmente intuibile in termini di reputazione e difficilmente calcolabile nei suoi effetti economici».

Motivazioni che evidentemente non hanno spostato di un millimetro l’ orientamento della Corte dei Conti.

Fonte: qui