Privacy Policy Le nascite italiane sono diminuite del 22% a dicembre, esattamente nove mesi dopo l'inizio del lockdown | 9 Dicembre Forconi
Crea sito

Le nascite italiane sono diminuite del 22% a dicembre, esattamente nove mesi dopo l’inizio del lockdown

Mentre le persone in tutto il mondo hanno cercato di capire cosa fare per divertirsi durante i blocchi di COVID-19, avere rapporti sessuali non protetti apparentemente non è uno di questi. Secondo i nuovi dati dall’Italia, la produzione di bambini è diminuita di un incredibile 21,6% in 15 città italiane , secondo Reuters , citando i dati dell’agenzia di statistica ISTAT.

Inoltre, l’impatto delle serrate è appena iniziato – con i matrimoni in calo di oltre il 50% nei primi 10 mesi del 2020, indicando “un probabile calo delle nascite nell’immediato futuro” secondo il capo dell’Istat Gian Carlo Blangiardo.

Gli esperti di demografia hanno previsto un baby bust in tutta Europa per il 2021, poiché si fa sentire l’impatto dei blocchi dello scorso anno.

Un sondaggio condotto in cinque paesi europei durante il blocco di marzo e aprile ha mostrato che molte persone hanno annullato i piani per avere figli. Tedeschi e francesi erano più propensi a dire che stavano ritardando, mentre gli italiani erano più propensi a dire che avevano abbandonato del tutto i loro piani.

L’anno scorso, la Gran Bretagna ha registrato un crollo delle importazioni di carrozzine per bambini, al livello più basso da quando sono iniziate le registrazioni nel 2000. (Sì, il Tesoro conta le importazioni di carrozzine. In tonnellate.) – Reuters

E come riportato da Forbes mercoledì, l’ Italia non è sola , poiché una nuova ricerca di Brookings punta a una pandemia di baby busti piuttosto che a un baby boom.

Nel giugno 2020, il Brookings Institute ha stimato che gli Stati Uniti vedrebbero tra 300.000 e 500.000 nascite in meno rispetto al 2019 . Ciò è avvenuto solo pochi mesi dopo che le restrizioni erano state implementate negli Stati Uniti. Dopo aver preso in considerazione la chiusura di scuole e asili nido e la pressione del lavoro da casa, i ricercatori hanno affermato di ritenere che la loro stima di 300.000 nascite in meno sia accurata. 

Una riduzione delle nascite è stata esattamente l’opposto di quello che molte persone si aspettavano sarebbe venuto fuori dal 2020. Trascorrere più tempo a casa con un partner sembra la ricetta perfetta per accelerare la pianificazione familiare. Tuttavia, con una maggiore insicurezza del lavoro, ansia per la salute e il governo incoraggia le persone a stare lontano dagli ospedali, sembrerebbe che il Covid-19 abbia fatto riconsiderare le persone. -Forbes

Secondo il sociologo e demografo dell’Università del Maryland Philip Cohen , non solo il tasso di natalità è diminuito di recente, ma meno persone hanno cercato online gravidanza e argomenti legati al sesso .

Via OSF

“Più grandi sono le paure economiche, maggiore è l’impatto sul tasso di natalità”, ha detto Martin Bujard, vicedirettore dell’Istituto federale tedesco per la ricerca sulla popolazione. “Quindi nei paesi in cui lo stato sociale riduce al minimo l’impatto economico – come la Germania – potrebbe esserci un effetto meno negativo”.

Secondo il Guttmacher Institute , il 34% delle donne americane ha ridotto il numero di figli che si aspetta di avere o ha ritardato in altro modo i propri piani di gravidanza a causa della pandemia. Modelli simili sono stati osservati in Francia, Germania, Spagna e Regno Unito, secondo i ricercatori Francesca Luppi, Bruno Arpino e Alessandro Rosina.

“Le ricadute economiche, le persistenti preoccupazioni per la salute, l’incertezza sulla sicurezza e la disponibilità delle cure mediche e la chiusura delle scuole si combinano per rendere questo un momento molto poco attraente per le coppie per iniziare o espandere la loro famiglia”, ha detto Emily Smith-Greenway, professore associato di sociologia presso la University of Southern California, in una dichiarazione a HuffPost . “Certamente prevediamo che ci sarà un rimbalzo, ma non siamo così sicuri di un overshoot – un boom che aiuta a compensare il calo”. Fonte: qui