L’Unione Europea nella strategia nucleare del Pentagono

La Francia non possiede più la triade nucleare (vettori terrestri, marittimi e aerei) dal 1996 e il Regno Unito non ha mai avuto tali armamenti. Solo gli Stati Uniti, la Russia e la Cina godono di questo privilegio. In un nuovo documento, il comandante del Comitato dei capi di stato maggiore degli Stati Uniti conferma la sua intenzione di disarmare i suoi alleati delle loro armi nucleari – da quel momento in poi, non avranno più il diritto di usare i propri, ma dovranno usare le bombe americane .

I ministri della Difesa della NATO (Elisabetta Trenta, M5S, per l’Italia e Florence Parly, LREM per la Francia) sono stati convocati a Bruxelles il 26 e 27 giugno per approvare le nuove misure di “dissuasione” contro la Russia, che è stata accusata – senza qualsiasi prova – di aver violato il Trattato INFFondamentalmente, questo significa che si metteranno al passo con gli Stati Uniti, che, ritirandosi definitivamente dal Trattato il 2 agosto, si preparano a schierare in Europa missili nucleari a terra intermedi a terra (un intervallo compreso tra 500 e 5.500 chilometri), simili a quelli degli anni ’80 (il Pershing II e i missili da crociera) che furono eliminati (con gli sovietici SS-20) dal trattato firmato nel 1987 dai presidenti Gorbaciov e Reagan.

Le principali potenze europee, sempre più divise all’interno dell’UE, sono raggruppate nella NATO sotto il comando USA per sostenere i loro interessi strategici comuni. Presso l’ONU, la stessa Unione Europea – di cui 21 dei suoi 27 membri fanno parte dell’Alleanza (così come il Regno Unito, sebbene lasci l’UE) – ha respinto la proposta russa di mantenere il Trattato INF. Su una questione di tale importanza, l’opinione pubblica europea viene deliberatamente lasciata in uno stato di ignoranza dai loro governi e dai principali media. In questo modo non ci accorgiamo del crescente pericolo che ci minaccia tutti – la crescente possibilità che un giorno possa subire l’uso di armi nucleari.

Ciò è confermato dall’ultimo documento strategico delle Forze armate statunitensi, Operazioni nucleari (11 giugno), redatto sotto la direzione del presidente dei capi di stato maggiore.

Dato che «le nostre forze nucleari offrono agli Stati Uniti la capacità di perseguire i nostri obiettivi nazionali», il documento sottolinea che devono essere «diversificati, flessibili e adattabili» a «una vasta gamma di avversari, minacce e contesti». Nonostante gli avvertimenti russi secondo cui l’uso di una sola arma nucleare di bassa potenza avrebbe dato il via a una reazione a catena che potrebbe portare a un conflitto nucleare su larga scala, la dottrina statunitense comincia ad orientarsi sulla base di un concetto pericoloso – “flessibilità”.

Il documento strategico afferma che «le forze nucleari statunitensi ci danno i mezzi per applicare la forza a una vasta gamma di obiettivi in ​​quel momento e con i mezzi decisi dal presidente». Questi obiettivi (specifica lo stesso documento) sono scelti in verità dalle agenzie di intelligence, che valutano la loro vulnerabilità a un attacco nucleare e calcolano anche gli effetti del fallout radioattivo. L’uso di armi nucleari – sottolinea il documento – “può creare le condizioni per risultati decisivi. In particolare, l’uso di un’arma nucleare trasformerebbe radicalmente il contesto di una battaglia creando le condizioni che consentirebbero ai comandanti di vincere lo scontro ».

Le armi nucleari permetterebbero anche agli Stati Uniti di «rassicurare i loro alleati e partner» che, fidandosi di queste armi, «rinuncerebbero all’idea di possedere le proprie armi nucleari, partecipando così all’obiettivo degli Stati Uniti, che è la non proliferazione ».

Tuttavia, il documento indica che “Gli Stati Uniti e alcuni alleati NATO selezionati sarebbero in grado di mantenere gli aerei in grado di trasportare sia armi nucleari che convenzionali“. Questa è un’ammissione che quattro paesi dell’UE ufficialmente non nucleari – Italia, Germania, Belgio, Olanda – e anche la Turchia, in violazione del Trattato di non proliferazionenon stanno solo immagazzinando armi nucleari statunitensi (bombe B-61 che dal 2020 sarà sostituito dal più distruttivo B61-12), ma sono pronti a usarli in un attacco nucleare sotto il comando del Pentagono.

Tutto questo è tenuto segreto dai nostri governi e parlamenti, televisioni e giornali, con il silenzio colpevole della stragrande maggioranza dei politici e dei giornalisti, che comunque ripetono giorno dopo giorno quanto sia importante «sicurezza» per noi italiani e gli altri europei dell’Unione. Apparentemente ci sarà garantito dallo spiegamento statunitense di altre armi nucleari.

Tradotto automaticamente con Google

Authored by Manlio Dinucci via VoltaireNet.org

Precedente NEL 2020, IL FRANCO CFA, LA MONETA ANCORATA ALL'EURO E GARANTITA DAL TESORO FRANCESE AL CENTRO DI MOLTE CONTROVERSIE SUL NEOCOLONIALISMO DI PARIGI, SARÀ ABBANDONATO DA OTTO PAESI AFRICANI, CHE AL SUO POSTO SONO PRONTI A INTRODURRE UNA NUOVA VALUTA, CHIAMATA "ECO", AGGANCIATA ALLO YUAN CINESE Successivo PERCHÉ LE AUTORITÀ NON HANNO RISPOSTO ALLE RICHIESTE DI INTERVENTO DI ULDERICO ESPOSITO, IL TABACCAIO MORTO PER UN PUGNO DI UN NIGERIANO?