PIMCO: “Questo è il mercato del credito più rischioso di sempre, il controllo sui mercati delle banche centrali sta arrivando alla fine”

Il più grande gestore di obbligazioni al mondo è estremamente preoccupato per due cose che conosce molto bene: il mercato complessivo e, in particolare, il mercato obbligazionario.

Parlando con Bloomberg TV, Scott Mather, Chief Investment Officer delle strategie di base statunitensi a Pimco, si è unito a un gruppo di altri manager del settore monetario e ha avvertito, senza mezzi termini, che il mercato del credito si sta dirigendo verso un crollo del quale non è mai successo prima visto.

“Abbiamo probabilmente il mercato del credito più rischioso che abbiamo mai avuto ” in termini di dimensioni, durata, qualità e mancanza di liquidità, ha detto Mather, aggiungendo che la situazione attuale mette a confronto i rischi a metà degli anni 2000, poco prima della crisi finanziaria globale.

Lo vediamo nel rafforzamento della leva finanziaria aziendale, il calo della qualità del credito e il declino degli standard di sottoscrizione – tutto questo comportamento del credito a ciclo tardivo che abbiamo iniziato a vedere nel 2005 e nel 2006“. Un modo di visualizzare ciò a cui Mather si riferiva è il seguente grafico del debito societario sul PIL che non è mai stato più alto. Per quanto riguarda la mancanza di protezioni dei creditori, beh, aspetta solo che le urla di rabbia inizino dopo la prossima ondata di fallimenti.

C’è stato un lato positivo, con il PIMCO ciò che ha notato che il credito non è “al punto in cui cadrà sotto il proprio peso”, tuttavia “ma è certamente una vulnerabilità oggi e tutti gli ingredienti sono lì per quella vulnerabilità a crescere “Ha aggiunto, riferendosi ai riacquisti di azioni proprie di quest’anno, molti dei quali finanziati con leva finanziaria, e quasi tutti sono stati usati per aumentare i prezzi delle azioni e ridurre le azioni in circolazione.

In risposta, Mather ha detto che Pimco è “molto più difensivo”, in termini di qualità del credito, e preferisce i titoli garantiti da attività – vale a dire i prestiti a leva che sono i pandora che aspettano solo di essere aperti – al credito aziendale.

Quindi tutto il credito è condannato? No: a quanto pare il mercato dei tori obbligazionari di tre decadi che tanti esperti hanno visto come morti solo un anno fa, ora è al sicuro secondo Pimco, con il 10Y che si avvicina ancora a un manico: “Il mercato del Tesoro americano è l’unico posto che potresti cercare guadagni in conto capitale come vediamo nei mercati di oggi, rispetto al resto del mondo “, ha detto Mather, perché? Perché “non esiste alcuna copertura per attività rischiose diverse dalle obbligazioni statunitensi di alta qualità, titoli del Tesoro”. Ma i fan dell’oro o del bitcoin non sarebbero d’accordo.

Tuttavia, questo per Mather è una situazione unica e diversa dall’ultima recessione, quando c’era una varietà di beni correlati negativamente da acquistare per protezione. “Le persone sono probabilmente troppo ottimiste riguardo alle prospettive di crescita negli Stati Uniti“, ha concluso.

In una prospettiva di mercato rilasciata in precedenza da Pimco, la società di Newport Beach ha avvertito che la crescita globale dovrebbe essere poco brillante con una bassa inflazione prima che si verifichi una recessione nelle economie avanzate probabilmente entro cinque anni. La vulnerabilità dei mercati finanziari, dopo che la recente Federal Reserve ha fatto perno sulla stretta monetaria, “ha il potenziale di portare a un eccesso maggiore nelle valutazioni, in particolare nel credito”, il rapporto si è riscaldato.

Ma aspetta, c’è di più, perché se Mather ha ragione, nemmeno le obbligazioni saranno prive di rischi presto, poiché l’era in cui le banche centrali sono ” potenti in termini di prendere la volatilità dal mercato e pompare i prezzi delle attività ” sta arrivando ad un Alla fine, Matther ha avvertito: “Gli Stati Uniti sono l’unica banca centrale in grado di normalizzare i tassi ufficiali, ma altrove, non c’è praticamente alcuna potenza di fuoco monetaria rimasta”.

Bene, se ha ragione e le banche centrali stanno davvero per perdere il controllo, allora gli investitori hanno cose molto più importanti di cui preoccuparsi se i loro guadagni cartacei si trasformeranno in perdite di carta durante la notte – una preoccupazione sarebbe se gli investitori hanno abbastanza armi e munizioni, per esempio.

La conclusione di Mather: “Penso che sia quello che stai vedendo ora nei mercati: le persone stanno iniziando ad arrivare a una prospettiva più realistica sulle prospettive di crescita lungimiranti, così come il potere delle banche centrali di aumentare i prezzi delle attività ” .

Considerando che lo S & P è superiore di alcune centinaia di volte rispetto a dove sarebbe senza le banche centrali “a gonfiare i prezzi”, il mercato sta per attraversare un sacco di dolore nel prossimo futuro se il più grande gestore di obbligazioni del mondo è corretto. Fonte: qui

Tradotto automaticamente con Google

Guarda l’intervista completa di Bloomberg qui sotto

Tutto il momento economico si sta muovendo in una sola direzione

Scritto da Michael Snyder tramite il blog The Economic Collapse

29 Maggio 2019

Ieri, sono stato accolto da questo titolo sconvolgente quando ho visitato  il rapporto Drudge :  “AVVISO DI AVVENIMENTO FLASH BONDS” . In questi giorni, sembra che la “parola R” sia stata lanciata continuamente, ma in questo momento l’anno scorso tutti stavano festeggiando quanto bene stava facendo l’economia. Sfortunatamente, abbiamo assistito a un cambiamento radicale negli ultimi mesi, e abbiamo appena ottenuto alcuni numeri economici davvero peggiori. Grazie a questi numeri cattivi e all’aumento della preoccupazione per la guerra commerciale, il Dow Jones Industrial Average è sceso di altri 237 punti martedì, estendendo ancora di più le perdite (meno di 400) oggi. Ciò significa che siamo in grado di vedere potenzialmente la caduta di Dow per la sesta settimana di seguito, e questo è qualcosa che non è successo dall’ultima recessione.

Ma al momento gli investitori sono molto più spaventati di ciò che sta accadendo nel mercato obbligazionario. Secondo  Mish Shedlock , non abbiamo visto questa inversione della curva dei rendimenti “dall’inizio della Grande Recessione” …

Venerdì, i rendimenti dei titoli del Tesoro USA sono crollati a metà della lunga curva, fornendo la maggior parte delle inversioni dall’inizio della Grande Recessione. Questo è il più grande avvertimento per la recessione dal 2007 .

In molti modi, ciò a cui stiamo assistendo in questo momento ricorda molto le condizioni prevalenti proprio prima dell’ultima crisi finanziaria.

Allora, i numeri economici stavano decisamente iniziando a scivolare, ma la maggior parte degli americani non pensava che ci stessimo dirigendo verso grossi guai. Ma quelli che hanno capito cosa stava accadendo stavano dando l’allarme, e la stessa cosa sta succedendo oggi. Ad esempio, il seguente articolo viene da un articolo della CNBC intitolato  “Morgan Stanley dice che l’ economia è in ‘recessione watch’ mentre il mercato obbligazionario lampeggia” …

“I dati recenti indicano che gli utili degli Stati Uniti e il rischio economico sono maggiori di quanto la maggior parte degli investitori possa pensare”, ha scritto Michael Wilson, il principale stratega azionario statunitense della società.

Nello specifico, lo stratega azionario ha evidenziato un recente sondaggio condotto dalla società di dati finanziari IHS Markit che ha mostrato che l’attività manifatturiera è scesa a un minimo da nove anni a maggio. Quel rapporto rivelò anche un “notevole rallentamento” nel settore dei servizi degli Stati Uniti, un’area chiave per un’economia americana caratterizzata da enormi guadagni di lavoro nell’assistenza sanitaria e nei servizi alle imprese.

Oltre ai deludenti numeri di produzione, abbiamo anche appreso che gli ordini di beni capitali  sono diminuiti in modo significativo  durante il mese di aprile …

Il Dipartimento del Commercio ha detto ieri che gli ordini di beni strumentali non destinati alla difesa, esclusi gli aerei, un proxy attentamente osservato per i piani di spesa aziendali, sono scesi dello 0,9% lo scorso mese perché la domanda si è indebolita quasi su tutta la linea. I dati di marzo sono stati rivisti al ribasso per mostrare questi cosiddetti ordini base di beni capitali in aumento dello 0,3% anziché aumentare dell’1,0% come riportato in precedenza.

Inoltre, abbiamo appena scoperto che i guadagni dei prezzi delle abitazioni negli Stati Uniti hanno subito un rallentamento di 12 mesi consecutivi .

Quando si aggiungono quei numeri a  tutti gli altri deprimenti numeri economici che si sono verificati ultimamente, emerge un quadro molto chiaro.

L’economia americana si sta dirigendo nella direzione sbagliata e le cose stanno peggiorando costantemente.

Una soluzione alla nostra guerra commerciale con la Cina sarebbe un’enorme spinta economica a breve termine, ma è improbabile che ciò accada nel prossimo futuro. Infatti, il presidente Trump ha dichiarato che “non è pronto”  per fare un accordo con la Cina …

Le azioni bancarie sono scese ampiamente tra i tassi di interesse più bassi. Goldman Sachs ha perso l’1,8% mentre Citigroup e JP Morgan Chase hanno perso rispettivamente lo 0,9% e l’1,1%. Anche Morgan Stanley e Wells Fargo sono scivolati.

Il calo delle quote e dei tassi bancari arriva dopo che il presidente Donald Trump ha detto lunedì che gli Stati Uniti non erano “pronti” per fare un accordo con la Cina, prima di aggiungere che ne avrebbe previsto uno in futuro. Trump ha anche detto che le tariffe sulle importazioni cinesi potrebbero salire “sostanzialmente”.

[ZH: La Cina sta ‘vincendo’ negli ultimi giorni, se i mercati ne prevedono una previsione]

E anche i cinesi stanno scavando bene.   Il capo redattore del Global Times, Hu Xijin, ha un rapporto molto stretto con i più alti funzionari cinesi, e ha appena avvertito che la Cina  “sta prendendo seriamente in considerazione la possibilità di limitare le esportazioni di terre rare”  negli Stati Uniti …

Mentre il funzionario dell’organismo nazionale di pianificazione cinese non ha risposto direttamente se Pechino limitasse le esportazioni di terre rare negli Stati Uniti, il redattore capo del Global Times Hu Xijin ha scritto su Twitter: “Sulla base di ciò che so, la Cina sta seriamente considerando di limitare le rari le esportazioni di terra negli Stati Uniti La Cina potrebbe anche prendere altre contromisure in futuro. ‘

Anche se il tabloid Global Times non è uno dei media ufficiali della Cina, è ampiamente letto ed è pubblicato dal quotidiano del partito popolare del Partito comunista.

Solo pochi giorni fa ho pubblicato  un intero articolo  sull’impatto che tale mossa avrebbe avuto sull’economia degli Stati Uniti, e non riprodurrò tutte queste informazioni qui.

Ma la linea di fondo è questa: l’economia degli Stati Uniti sarebbe in una quantità enorme di guai se ciò accadesse.

Un rapporto deteriorante con la Cina fa parte dello scenario  che abbiamo anticipato e gli eventi stanno sicuramente iniziando ad accelerare ora.

Per la maggior parte degli americani, tuttavia, non c’è motivo di preoccuparsi. La maggior parte di noi semplicemente crede che i nostri leader a Washington abbiano le cose sotto controllo e che tutto andrà bene in qualche modo.

Ma se ci immergiamo in un’altra profonda crisi economica, molti americani finiranno in guai enormi.   Secondo un recente sondaggio, il 45% di noi giudica le nostre situazioni finanziarie  “giuste” o “povere” …

Quasi il 30% degli intervistati ritiene che la propria situazione finanziaria sia “equa” e il 15% dice che è “povero”. Nel frattempo, il 25% si  preoccupa “tutti” o “la maggior parte” del tempo in  cui il reddito familiare non sarà sufficiente per coprire i propri spese.

Le loro maggiori preoccupazioni:  Risparmiare abbastanza per la pensione  e  costi medici non pianificati , rispettivamente con il 54% e il 51%, dicendo che sono “molto” o “moderatamente” preoccupati per ogni prospettiva.

Inoltre, un altro recente sondaggio ha scoperto che il  59 percento  di tutti gli americani sta attualmente pagando lo stipendio per stipendio.

Proprio come l’ultima volta, la maggior parte degli americani vive finanziariamente ai margini.

E proprio come l’ultima volta, milioni di americani saranno completamente accecati da un disastro economico che non vedono arrivare.

Tradotto automaticamente con Google

Precedente VI RICORDATE DELLA PROFESSORESSA DI TORINO CHE SI DIVERTIVA A SFILARE INSIEME AGLI ANTAGONISTI E A INSULTARE LE FORZE DELL’ORDINE? Successivo CARLO NORDIO: "È BENE CHE I MAGISTRATI ASSAGGINO SULLA LORO PELLE QUESTE TECNICHE INVESTIGATIVE MOLTO, MOLTO INVASIVE, UTILIZZATE IN TUTTI QUESTI ANNI CON UNA CERTA DISINVOLTURA''