Privacy Policy Trump aveva ragione: la luce del sole distrugge COVID 8 volte più velocemente di quanto gli scienziati credessero, uno studio mostra che .. | 9 Dicembre Forconi
Crea sito

Trump aveva ragione: la luce del sole distrugge COVID 8 volte più velocemente di quanto gli scienziati credessero, uno studio mostra che ..

A quanto pare, il presidente Trump potrebbe aver capito qualcosa la scorsa primavera quando ha divagato durante una conferenza stampa sulla possibilità che la “luce solare” potesse essere sfruttata per distruggere il virus .

Una ricerca recentemente pubblicata da un team di accademici presso l’UC Santa Barbara ha scoperto che il coronavirus è “inattivato” dalla luce solare fino a 8 volte più velocemente di quanto “l’attuale modellazione teorica” ​​avesse previsto. L’assistente professore di ingegneria meccanica dell’UC Santa Barbara Paolo Luzzatto-Fegiz ha analizzato gli studi che esplorano gli effetti di diverse forme di radiazione UV su SARS-CoV-2 e ha trovato una discrepanza significativa, secondo RT.

Come con tutte le radiazioni elettromagnetiche, i raggi UV ricadono su uno spettro. Gli UVA a onde più lunghe reagiscono in modo diverso con parti di DNA e RNA rispetto alle onde UV di fascia media che si trovano alla luce del sole. Queste onde a corto raggio possono uccidere i microbi e causare scottature negli esseri umani. Mentre è stato dimostrato che la radiazione UV a onde corte disattiva virus come SARS-CoV-2, la luce proveniente da questa estremità dello spettro viene spesso deviata dall’umanità dall’ozono terrestre.

Ma un’analisi di vari studi su come i diversi tipi di luce UV interagiscono con SARS-CoV-2 ha scoperto che COVID dovrebbe disintegrarsi ancora più rapidamente se esposto alla luce solare estiva, che presenta più radiazioni a onde corte, uno dei motivi del rischio di contrarre il virus all’aperto. durante l’estate è molto, molto più basso che stare al chiuso in inverno.

In pratica, il team ha scoperto che “l’inattivazione” delle particelle virali rese nella saliva simulata era più di 8 volte più veloce di quanto gli scienziati credessero in condizioni simili alla luce solare estiva.

Uno studio sperimentale del luglio 2020 ha testato la potenza della luce UV su SARS-CoV-2, contenuto nella saliva simulata, e ha scoperto che il virus è stato inattivato in meno di 20 minuti.

Tuttavia, una teoria pubblicata un mese dopo suggeriva che la luce solare poteva ottenere lo stesso effetto, il che non tornava del tutto. Questo secondo studio ha concluso che SARS-CoV-2 era tre volte più sensibile ai raggi UV alla luce del sole rispetto al virus dell’influenza A.

La stragrande maggioranza delle particelle di coronavirus è stata resa inattiva entro 30 minuti dall’esposizione alla luce solare estiva di mezzogiorno, mentre il virus potrebbe sopravvivere per giorni sotto la luce solare invernale.

“L’inattivazione osservata sperimentalmente nella saliva simulata è oltre otto volte più veloce di quanto ci si sarebbe aspettato dalla teoria”, hanno detto Luzzatto-Feigiz e il suo team. “Quindi, gli scienziati non sanno ancora cosa sta succedendo.”

Il team dell’UC Santa Barbara ha ipotizzato che il processo che distrugge il virus sia simile a un processo visto negli impianti di trattamento delle acque reflue.

Il team sospetta che, poiché l’UVC non raggiunge la Terra, invece di attaccare direttamente l’RNA, l’UVA a onde lunghe nella luce solare interagisce con le molecole nell’ambiente del virus, come la saliva, che accelera l’inattivazione, in un processo osservato in precedenza nel trattamento delle acque reflue.

La loro ricerca suggerisce che un sistema di filtrazione dell’aria dotato di determinati tipi di emettitori di UVA potrebbe ridurre drasticamente la diffusione di particelle virali all’interno.

Per qualche ragione, tutta questa ricerca sugli effetti della luce solare sul virus è stata ignorata da governi come il governo spagnolo, che di recente ha ordinato di indossare maschere all’aperto, qualcosa che l’industria dell’ospitalità del paese teme distruggerà più aziende già combattute senza contribuire a nulla. allo sforzo di pubblica sicurezza. Ma forse presto le cose cambieranno. Fonte: qui